HARDWARE BENCH

HARDWARE BENCH

IL FORUM ITALIANO SULL'INFORMATICA

lo staff si è trasferito su www.hwmind.it

SPONSORED BY

Partner

creare un forum
Hardware Mind Shop, Blog e Forum

Mer Nov 07, 2012 8:26 pm Da incognito

Hardware Mind Shop, Blog, Forum dedicato al mondo dell'informatica.
Inizia a far parte della nostra community:
Shop: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Blog/Forum: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Vi aspettiamo in molti


    Intel SSD 510 250GB (codename Elmcrest)

    Condividere

    Toretto0921
    Founder
    Founder

    Messaggi : 573
    Data d'iscrizione : 20.02.11
    Età : 21
    Località : Castelbuono

    Intel SSD 510 250GB (codename Elmcrest)

    Messaggio Da Toretto0921 il Sab Giu 11, 2011 9:24 am

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] Presentato al CeBIT 2011, il 510 (Elmcrest) è uno degli ultimi SSD prodotti da Intel, che, secondo quanto dichiarato da Intel stessa, è dotato di una velocità di scrittura sequenziale pari a 315MB/s (240MB/s SATA 3Gb/s) e una lettura sequenziale di 500MB/s (265MB/s SATA 3Gb/s); il taglio di questo disco è di 250GB ed è assemblato con un controller SATA 6Gb/s prodotto dalla Marvell (9174). XtremeHardware lo ha testato per voi in questa recensione.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Intel Corporation è attualmente la più grande azienda multinazionale produttrice di semiconduttori (microprocessori, dispositivi di memoria, circuiti di supporto alle telecomunicazioni e alle applicazioni informatiche) con sede a Santa Clara, California; Intel è stata fondata nel 1968 ed è leader nella produzione e sviluppo di microprocessori, ma è sempre stata attenta anche al mondo delle memorie Flash. Nel 1988 Intel produce infatti il primo modello commerciale di memoria flash basata su celle NOR. La crescita delle potenzialità delle memorie flash, di pari passo con lo sviluppo tecnologico dell'industria dei semiconduttori, ha portato alla nascita nel 2006 di Intel Micron Flash Techonologies, una joint venture tra i due colossi dell'elettronica del silicio.

    Introduzione e Caratteristiche Esclusive Principali:


    Il nuovissimo SSD Intel 510 (Elmcrest) monta al suo interno un controller prodotto dalla Marvell (88SS9174-BKK2). A primo impatto questo fatto ci ha creato alcune perplessità, in quanto è molto raro che Intel adoperi sulle sue unità storage controller prodotti da altri brand. E’ altresì vero che questo controller prodotto dalla Marvell è assemblato su altri SSD prodotti sia dalla Crucial o dalla Corsair. Ricordiamo che Crucial è il brand con cui Micron Technology commercializza i suoi prodotti; come noto Micron è in joint venture con Intel (IMFlash) e non ci stupisce vedere soluzioni comuni ad entrambi i brand. Allo stato attuale sono pochi i controller SSD con supporto all’interfaccia Sata 6Gb/s: oltre al già citato Marvell, troviamo il noto Sandforce SF-2200 e il Sandforce SF-2500 (destinato ad Enterprise). Con buone probabilità Intel sta lavorando ad un proprio controller Sata 6Gb/s, ma nel frattempo ha deciso di commercializzare questo SSD, con controller di terze parti, per non rimanere troppo indietro rispetto alla concorrenza e beneficiare delle potenzialità della nuova interfaccia. Tuttavia, rispetto a questo argomento, facciamo notare che alcuni produttori di controller sottolineano opportunamente che su queste unità storage, oltre al controller stesso, un altro componente molto importante è il firmware. Nel caso del 510 il firmware è completamente sviluppato ed ottimizzato dalla Intel stessa. Infine per dipanare le nostre perplessità, risulta essere molto interessante una ricerca effettuata da un sito specializzato francese (hardware.fr), il quale certifica che l’affidabilità dei prodotti Intel risulta essere la migliore in assoluto rispetto ai concorrenti, con solo lo 0.59% di prodotti restituiti alla casa produttrice in seguito a rotture o difetti, oltre un punto percentuale al di sotto delle aziende concorrenti. Non sono inclusi ovviamente in questa ricerca gli ultimi 510, ma Intel garantisce come al solito un’affidabilità assoluta per tutti i suoi prodotti.

    Riguardo al controller Marvell 9174, ricordiamo che è accoppiato con ben 128MB (DDR3-1333 SDRAM) di memoria prodotte dalla HYNIX, rispetto a questo facciamo notare al lettore che allo stato attuale sul mercato non esiste un drive prodotto da Intel con una simile dimensione di memoria disponibile; va da sé che i miglioramenti prestazionali risulteranno evidenti.

    Le memorie NAND presenti nell’Intel 510, con 5.000 cicli di scrittura dichiarati, sono prodotte dalla IM Flash Technologies. I moduli MLC sfruttano il processo produttivo a 34nm, una scelta importante da parte di Intel dal momento che il processo a 25nm è già in stato avanzato. La scelta di restare sui 34nm potrebbe derivare da diversi motivi, sia a livello di affidabilità che a livello di performance, a discapito del prezzo inferiore per GB che teoricamente si può ottenere con il nuovo processo produttivo. Ad ogni modo nella roadmap Intel sono già schedulati SSD a 25nm destinati al segmento Enterprise, quindi probabilmente l’unico vero motivo è dovuto al tempo necessario per sviluppare dei prodotti completamente affidabili e performanti, come da tradizione Intel. Le memorie NAND dell’Intel 510 da 250 GB sono disposte in 16 moduli con una capacità di 16GB ognuna, per un totale di 256GB. Lo spazio a disposizione reale in questo drive corrisponde però a 232GB utilizzabili, conseguentemente possiamo evincere che lo spazio dedicato all’overprovisioning è di circa 18GB, pari al 7% del totale fisico.



    Riguardo a questo, nonostante i 5.000 cicli di scrittura dichiarati e i 3 anni di garanzia concessi da Intel ai propri clienti, su questo disco contrariamente ad altri drive dotati di controller diverso (SandForce) è fortemente consigliabile tenere monitorata sia la spare area (area in cui il controller provvede ad allocare informazioni ridondanti per preservare l’affidabilità e l’usura delle celle) sia il wear leveling (livello di usura delle celle) questo perché, come è risaputo i blocchi di memoria NAND sono costantemente in movimento dentro e fuori la spare area, quindi in questo caso si potrebbe generare il fenomeno del write amplification che aumenta le operazioni di spostamento dei blocchi di memoria incrementando l’usura delle celle, inficiando le prestazioni del drive.

    Ovviamente l’SSD Intel 510 supporta pienamente la funzionalità TRIM del Sistema Operativo Windows 7, la quale consente una massima ottimizzazione prestazionale del disco in scrittura.

    Specifiche Tecniche:



    Le specifiche tecniche sono riportate nella seguente tabella:

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Packaging e Primo contatto:



    Il drive Intel 510 250GB è giunto in redazione contenuto nel classico box Intel di colore blu, riportante nella facciata principale il logo della casa produttrice, il taglio (250GB) e il nome del prodotto in esso contenuto. Nella facciata posteriore invece, troviamo alcune informazioni multilingua relative al drive contenuto.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Sui lati possiamo evincere tutte le informazioni relative al numero seriale, al batch e le date di confezionamento anche sotto forma di codici a barre, infine notiamo anche un bollino che ci ricorda che il drive in questione è garantito 3 anni.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Procedendo con l’unboxing, notiamo che Intel ha inserito un cavo per la connessione SATA, un adattatore per alimentazione SATA, due sacchetti contenenti le viti necessarie all’assemblaggio, un adesivo, un manuale, un disco per l’installazione dei drivers e strumenti gestionali, e naturalmente l’adattatore per gli slots da 3.5’’ (il drive è ovviamente di formato 2.5’’).

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Nella parte superiore dell’Intel 510 possiamo ricavare tutte le informazioni necessarie, quali il taglio, il nome del prodotto, i vari seriali, il firmware installato (PWG2) e i vari loghi; il retro risulta essere esente da qualsiasi adesivo. Infine possiamo osservare il lato relativo alle connessioni all’interfaccia SATA con la relativa alimentazione.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Sistema di Prova e Metodologia di Test

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Per i test abbiamo utilizzato le seguenti applicazioni:

    HDTune 4.60
    CrystalDiskMark 3.0
    AS SSD Benchmark
    ATTO 2.46
    AIDA64 Extreme Edition


    I test su questo drive sono stati effettuati utilizzando una scheda madre dotata di chipset Intel Z68 (revision B3) e riguardano sia l’interfaccia SATA 6Gb/s sia l’interfaccia SATA 3Gb/s.



    Relativamente ai driver utilizzati, abbiamo usato l’ultima release degli Intel Rapid Storage (ver. 10.1), i quali ci hanno consentito di massimizzare i risultati ottenuti in questi test.



    Oltre a questo abbiamo provveduto a “tweakkare” opportunamente il Sistema Operativo con un paio di semplici modifiche alla portata di ogni utente; tali modifiche consentono di massimizzare i test effettuati e di preservare l’Unità Disco dal degrado futuro. Questi accorgimenti si riferiscono alla disattivazione della deframmentazione del disco da parte del Sistema Operativo e alla disattivazione dell’indicizzazione del Disco stesso (Proprietà del Disco – Generale & Strumenti).

    HD Tune 4.60



    Test effettuati con Drive vuoto appena connesso all’interfacce Serial ATA 3Gb/s e 6Gb/s, senza aver effettuato alcuna partizione specifica al Disco di test, i test sono effettuati in modalità RANDOM (casuale).



    Come possiamo osservare nei grafici sottostanti relativi al Burst Rate (velocità massima relativa al trasferimento dati dall’interfaccia SATA al Sistema Operativo) che inseriamo a titolo indicativo, e al Transfer Rate Average (velocità media di trasferimento dati) in questo caso possiamo notare immediatamente una forte discrepanza tra quanto dichiarato dalla casa produttrice rispetto i risultati ottenuti in fase di test.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Per quanto riguarda i tempi di accesso al disco, questo test effettuato in modalità random rivela una sostanziale parità tra le due interfacce adoperate.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Sata 3 Gb/s

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Sata 6 Gb/s

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Il test relativo alle Operazioni di Input/Output (misurate al secondo) sul nostro Drive, ci confermano ulteriormente che sui vari algoritmi (pattern) il numero di IOPS risulta essere non all’altezza su file di grosse dimensioni.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Sata 3 Gb/s

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Sata 6 Gb/s

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    CrystalDiskMark 3.0.0



    Questo benchmark è utilissimo per misurare la scrittura/lettura sequenziale (sequential) e casuale (random), CrystalDisk Mark supporta infatti pienamente il NCQ (Native Command Queuing) che consente al disco di determinare l’ordine ottimale degli IOPS massimizzando così le prestazioni di Input/Output con una Queue Depth (file in coda) di 32 (test che consente di osservare il comportamento del drive sul trasferimento di numerosi file di dimensione ridotta).



    Nel grafico sottostante (dove riportiamo solo il dato relativo al test 4KQD32) abbiamo evidenziato le insignificanti differenze tra le due interfacce nel trasferimento file di piccole dimensioni.

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Negli screenshot seguenti possiamo osservare l’impressionante velocità di scrittura sequenziale di questo drive sull’interfaccia Intel SATA 6Gb/s (476MB/s) che si avvicina a quanto dichiarato dalla casa produttrice.

    Sata 3 Gb/s

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Sata 6 Gb/s

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Conclusioni:

    Prestazioni : [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Rapporto qualità/prezzo: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Complessivo : [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    Questo è il secondo SSD della serie Elmcrest (510) che Intel ci invia per i test di rito; rispetto alla versione precedentemente testata dalla nostra redazione non abbiamo notato tendenze diverse, le prestazioni sostanzialmente rispecchiano quanto già visto nella versione da 120GB precedentemente testata, con le ovvie differenze dovute al taglio diverso del drive, che in questo caso è di 250GB. In particolare il modello da 250GB riesce ad ottenere una velocità in scrittura sensibilmente superiore (315MB/s contro i 210MB/s del modello da 120GB), mentre la velocità in lettura passa da 440MB/s a 510MB/s. A parte la bandwidth massima in lettura e scrittura, la velocità su file di 4k e il numero di IOPS è sostanzialmente identica, essendo determinata in misura preponderante del controller Marvell.

    Quindi sia i pregi ed i difetti precedentemente segnalati si equivalgono; a differenza della precedente recensione, abbiamo deciso di non sottoporre il drive ai test di rito sul controller Marvell (presente in molte schede madri), questo perché è oramai assodato che tale controller limita le prestazioni di qualsiasi drive venga connesso ad esso.

    In ogni caso, visto e considerato quanto offerto dalla concorrenza (soprattutto drive con controller SandForce) e il prezzo di questo drive(attorno ai 450€), probabilmente l’utente potrebbe optare per soluzioni diverse dal 510 da 250GB, oggetto della recensione odierna. E’ opportuno però sottolineare al lettore, che allo stato attuale nessuna casa produttrice risulta essere affidabile quanto Intel in termini di resi e garanzie, oltre a questo c’è da segnalare la perfetta compatibilità di questo drive con l’Intel SSD Toolbox che offre una serie di opzioni utilissime per la gestione e la manutenzione del disco, cosa che nessun concorrente riesce ad offrire.

    PRO

    Velocità in lettura e scrittura sequenziale
    Interfaccia Sata 6Gb/s
    Affidabilità e garanzia dichiarata da Intel


    CONTRO

    Prestazioni con accesso Random
    Prestazioni 4k


    _________________________________________________FIRMA_______________________________________________________________
    [size=12](CASE):
    Sharkoon 1000 black edition | (MAINBOARD): Asus P8Z68-V | (CPU): i7 2600k cooled by Zalman CNPS9900 max | (VGA): Asus HD 6950 DirectCu II 1GB | (RAM): Mach Xtreme Tecnology 1333mhz 2X2gb | (POWER SUPPLY): Energon EPS 750w | (HARD DISK): Western Digital 500gb sata2 7200rpm Caviar Blue


    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

    [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

      La data/ora di oggi è Lun Dic 05, 2016 12:26 pm